Italiano: vaccino = ortolano: cetriolo?

Le case farmaceutiche non hanno mai raggiunto così tanto potere, alla loro forza economica si aggiunge il controllo della persone in nome e per conto della salute. Dati che precedentemente erano gestiti dai motori di ricerca e social, ora passano direttamente anche alle grandi lobby farmaceutiche che al pari di Google e Facebook sapranno tutto di noi. 

Ah!, potesse essere una soluzione per uscire da questo incubo che ha prodotto non solo morti per Covid, ma morti per mancanze di cura, adolescenti impauriti, famiglie senza lavoro, depressioni; potesse essere una strategia vincente questa per riappropriarci della nostra vita e della nostra libertà, ma non sembra andare così e alla grave situazione sanitaria, economica, politica e sociale si aggiungono nella testa delle persone dubbi su dubbi, prima relegati ad un piccolo nucleo di persone: i complottisti o cospirazionisti.

Non voglio fare dietrologia perciò invoco un motivo per fidarci di questa campagna vaccinale, spiegateci perché:

-non dovremmo avere perplessità se la vaccinatissima Inghilterra si prepara ad una terza ondata,

-ad una prima raccomandazione di vaccinare tutti, anche i minori, emerge che l’OMS non abbia mai dato questa disposizione per i giovani,

-Astrazeneca non è più consigliabile se non a coloro che abbiano più di 60 anni,

-perchè la seconda dose di Astrazeneca è stata interdetta se avete dichiarato fino a poco tempo fa che era sicuro?

Dichiarare un’ordinanza, fare affermazioni e poi smentirle, retrocedere… basterebbe questo per togliere la fiducia in chi pensa con la propria testa, in chi si fa domande su fatti e dichiarazioni che gravano sulla credibilità dell’operazione in corso ma so già che non sarà sufficiente perché detto da una naturopata esperta in TEV perciò, parliamo di un professore di microbiologia, il Prof Crisanti, che nella trasmissione di Lucia Annunziata “Mezz’ora di +” espone le sue idee circa il vaccino virale sui giovani dicendo che questa tipologia di vaccino non andava fatto ai giovani!!! 

A questo aggiunge un elemento che è stato trascurato, volutamente o no, nella comunicazione fino ad ora svolta dai mass media e cioè che il vaccino nasce da una situazione EMERGENZIALE, il che induce a supporre che poiché sviluppato in un quadro di urgenza, mancano dati che possano garantire quella sicurezza che forse avrebbe impedito a Camilla, ma non solo lei purtroppo, di morire. 

Ecco le parole di Crisanti che potete ascoltare in questo stralcio dell’intervista fatta a “Mezz’ora di +”   di Lucia Annunziata:

”…rimane il fatto che implementiamo e raccomandiamo una misura che dal punto di vista sperimentale non è supportata da dati o per lo meno da dati sufficienti”.

Dunque, come poi aggiunge, i dati attuali non garantiscono che il vaccino

1.  è sicuro

2. che induce un’immunità protettiva.

Rimangono perciò le seguenti domande in sospeso:

  • se il vaccino virale non era raccomandato ai minori, neanche dall’OMS, perchè è stata promossa una campagna vaccinale anche per loro?
  • In una situazione emergenziale, in cui sono stati creati vaccini non supportati da dati sufficienti, quali possono essere le conseguenze sulla salute delle persone, nell’immediato e negli prossimi anni a venire? 
  • Il vaccino se non sicuro e se non garantisce un’immunità protettiva, è necessario?
  • Nell’intervista il Prof Cristanti dice che in Australia, Nuova Zelanda, Taiwan e Singapore dove la popolazione vaccinata è circa l’8%, non ci sono casi. Quali criteri hanno permesso la non diffusione del contagio nonostante la non vaccinazione di massa?
  • Il Prof Crisanti ha affermato che esistono alternative alla vaccinazione ma che in Italia e in Europa si è deciso per la vaccinazione di massa. Perché? Chi lo ha deciso? 

Il governo non può lascare inevasi questi dubbi che si stanno dilagando a macchia d’olio sulla popolazione. L’appartenenza, il sentirsi all’interno di una comunità, non è solo lo sforzo di un civile stare insieme. L’appartenenza è avere gli altri dentro di sé, occuparsi per il bene della comunità e delle persone che la costituiscono. Invece, la sensazione che molti italiani percepiscono è che abbiano sostituto l’ortolano con l’italiano ed il cetriolo con il vaccino. 

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

I sette nani erano sette perché rappresentano i sette chakra? Ma mi faccia il piacere…

Mi sono giunte alcune email circa un messaggio che sta dilagando che mi ha lasciato a dir poco perplessa ecco una parte del testo: 

“La mia nota personale: i chakra che ci connettono all’anima sono il chakra del cuore e soprattutto quello che si trova proprio sopra la nostra testa e si chiama Chakra coronale. Chiediti quindi perché questo virus si chiama “corona virus” …. qual è la sua vera funzione?”

In prima istanza una domanda ha imperato sui miei vecchi neuroni: i sette nani erano sette perché rappresentano i sette chakra allora? 

Tralasciando le mie fiabesche riflessioni vi chiedo: credete davvero che noi, essere divini, siamo ostacolati da questo virus? 

Se siete dubbiosi circa l’attuale campagna mediatica, scientifica, sanitaria, politica perché non usate il discernimento anche in questo caso, quando vi giungono queste tipologie di terrorismo? 

Se crediamo che l’uomo è un essere multidimensionale, la contrazione di virus e batteri è,  ANCHE, espressione di un indebolimento che riguarda non solo il corpo biologico.

Il discernimento è parte del sistema di difesa, del sistema immunitario, della capacità di vagliare ciò che può influenzare anche il nostro universo psichico, in senso positivo o negativo. 

Eppure, anche questa email così largamente divulgata da molti, contiene un virus: la paura, quella che qualcuno di voi ha provato leggendo questo messaggio. La paura, quel virus che abbassa il sistema immunitario ed offusca la vista del proprio Essere.  

Certo il buon senso, ad esempio lavarsi le mani, è auspicabile (a prescindere dall’attuale situazione) ma la predisposizione ad ammalarsi è un fattore da prendere in considerazione.  

I virus ed altri agenti patogeni generano una malattia, se sussiste una “predisposizione”. I fatti che validano questa ipotesi sono che le infezioni contratte da soggetti di estrazione sociale, età, nazionalità diversa non hanno tutti manifestato sintomi, non hanno avuto lo stesso decorso bensì ognuno ha reagito in modalità assolutamente variabile all’aggressione.

Molti di voi mi conoscono personalmente e sanno la mia posizione circa la “pandemia”, la manipolazione in corso dell’establishment, altrettanto credo fermamente che il potenziale in noi sia immenso, credo fermamente che questo potenziale e tutti gli “eventi in potenza” di cui noi siamo i registi dipendano anche, soprattutto, dalla nostra condizione d’essere. 

Ecco cosa scrive Goetheanum freie hochschule für geisteswissenschaft:

R. Steiner ha dato indicazioni sul fatto che le menzogne dell’umanità possono avere importanza epidemiologica. Non si tratta qui dei singoli pazienti, ma del complessivo approccio alla verità nelle discussioni pubbliche. In un periodo di notizie false e di distorsioni della verità, è importante anche la dimensione spirituale. R. Steiner menziona, nel medesimo contesto, la cura della spiritualità e il danno causato da pensieri materialistici: “I bacilli vengono favoriti al massimo quando l’uomo, durante il sonno, non fa che accogliere punti di vista materialistici. Non esiste mezzo migliore, per favorirli, che entrare nel sonno soltanto con rappresentazioni materialistiche e da lì, dal mondo spirituale, dall’io e dal corpo astrale, essi retroagiscono sugli organi del corpo fisico.
Su questo sfondo sono problematiche anche le teorie complottiste sull’origine di questa pandemia, quali circolano non di rado anche in ambienti antroposofici. La volontà di vagliare, pensando, la verità, digerire la congerie di notizie quotidiane e non farsi condizionare da pure e semplici opinioni, forma una parte della nostra immunità, di cui noi stessi siamo responsabili”.

Per concludere da Tevvara: ho testato diverse persone che hanno contratto il virus, fatelo anche voi. A molti di loro è rimasta la paura, la paura di morire (come biasimarli?) e certo questo non alimenta l’evoluzione, però, per rispondere al messaggio che ha dato vita a questa mia, altre persone hanno reagito con tutta l’anima (è proprio il caso di scriverlo) e ora sono più forti di prima perché hanno vinto, si sono rese conto della Forza e del Potere che hanno. Chi gliel’ha data questa forza, questa voglia di vivere, di combattere? 

Al test il loro centro coronale non è stato assolutamente intaccato, anzi sono convinta che è stato elemento di supporto, conforto, che ha dato speranza alimentando la lotta, la vincita, la vita. 

Non alimentiamo paure su paure, non fatevi manipolare, neanche da chi si dichiara “alternativo” al pensiero vigente. 

Tutti siamo commessi al divino. Se facciamo tacere il rumore che alimentiamo con la paura, la rabbia, la violenza anche verbale, possiamo ascoltarlo. 

Buon senso, discernimento, centratura, vitalismo, amore per la Vita siano con noi. 

SGZ

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

In risposta alla paura: fiducia e cura verso le difese immunitarie aspecifiche.

Roberto Gava, Laureato in Medicina e chirurgia all’Università di Padova, specializzato in Cardiologia, Farmacologia clinica e Tossicologia medica, studioso di Agopuntura cinese e Omeopatia classica, Bioetica e Ipnosi medica ha pubblicato “Proteggersi dalle Infezioni Virali. Aumentare le difese immunitarie per prevenire e curare le infezioni virali” dove illustra l’importanza delle DIFESE IMMUNITARIE ASPECIFICHE.

Mai come ora il punto di vista di Roberto Gava genera credito sulle nostre capacità di difesa sviluppando due dei più potenti farmaci che remano a favore del nostro organismo: coraggio e fiducia come insegna la psiconeuroendocrinologia (leggi Bottaccioli). 

COSA SONO LE DIFESE IMMUNITARIE ASPECIFICHE?

Il sito di microbiologia definisce le difese specifiche presenti sin dalla nascita, si configura come prima linea di difesa dell’organismo contro il “non-self” ma funge anche da aiuto per la risposta immunitaria specifica. Consente il rapido riconoscimento di un limitato repertorio di antigeni e pone il sistema immunitario in una condizione di allarme che favorisce lo sviluppo dell’immunità specifica. Di questa fanno parte: pH, muco, temperatura, ciglia vibratili, varie barriere anatomiche, fagocitosi, infiammazione, macrofagi. ( https://www.microbiologiaitalia.it/immunologia/sistema-immunitario-difese-aspecifiche-e-specifiche/). 

Le difese aspecifiche o innate vigilano su di noi fin dal principio della nostra esistenza, quelle specifiche si generano successivamente e si formano “strada facendo” sulla base dell’esperienza maturata con i germi con cui sono venuti a contatto, le difese aspecifiche  sono alla base del concetto di PREVENZIONE  i cui protagonisti sono i linfociti NK (Natural killer), i mastociti, gli eosinofili, i basofili, i macrofagi, i neutrofili e le cellule dendritiche.

Il significato di PREVENZIONE è quello di “adozione di una serie di provvedimenti per cautelarsi da un male futuro, e quindi l’azione o il complesso di azioni intese a raggiungere questo scopo” (www.treccani.it) dunque l’intervento farmacologico e specifico è previsto quando la patologia è già in atto. 

Senza inoltrarmi nei miei “credo” che potrebbero far insorgere bene che mi vada polemiche, vorrei valorizzare il ruolo dell’azione PREVENTIVA del sistema immunitario ed in particolare delle sua difesa aspecifica, una chiave importante che si è dimenticata  e che potrebbe invece essere determinante nell’evitare malattie oppure nel supportare adeguatamente la risposta del nostro corpo ad un’aggressione biologica.

La malattia non è una maledizione, il nostro organismo, quando si “ammala” è perché sta RISPONDENDO ad un’aggressione  e la risposta verte sempre, sempre, per la sopravvivenza. 

Il problema è un altro, la prevenzione richiede uno stile di vita sano che in taluni significa  effettuare dei cambiamenti nella propria vita, cambiamenti di attitudini anche mentali, di difficile applicazione perché cambiare è faticoso, lo ammetto. 

Non sono una talebana però, se mia figlia ha la febbre a 40 le do un antipiretico, se ha una grave infezione ricorro all’antibiotico ma prima di arrivare all’assunzione dei farmaci c’è un mondo, quello della prevenzione, che include la cura del corpo e cioè attenzione in ciò che mangio, in ciò che bevo, che respiro, attenzione all’ambiente in cui vivo, lavoro, dormo, in ciò che nutro con le mie emozioni, i miei pensieri, il mio spirito, senza dimenticare il corpo vitale. 

Il corpo vitale, secondo la TEV®, è la MATRIX che mette in comunicazione l’intero complesso sistema uomo. L’energia vitale è una sorta di “benzina” che permette al corpo biologico, emozionale, mentale e spirituale di interagire, reagire e lavorare per il raggiungimento e mantenimento del nostro benessere. 

Sì, perché la vera prevenzione è mantenere in equilibrio dinamico tutte le dimensioni esistenziali dell’individuo considerando appunto la nostra unicità.

La TEV® permette di individuare eventuali squilibri energetici a carico del nostro corpo ancor prima della loro manifestazione.

La TEV® considera l’unicità del percorso del singolo e delle influenze ambientali, culturali, familiari eccetera.

La TEV® è un valido supporto di PREVENZIONE che supporta energeticamente le difese aspecifiche.

La TEV® ha lo scopo di aiutare a ritrovare e mantenere il benessere.

Se stai pensando d’iscriverti al corso di TEV® 1 che si terrà nei giorni 22-23/05/2021 ti ricordo che la data utile per l’iscrizione al corso è fissata entro e non oltre il:

07/05/2021

Tale scadenza è dettata dai tempi tecnici del corriere per l’invio del materiale didattico utile al corso di formazione (Mini Cleanergy® – Libro Anatomia Sottile vol.1). 

Per iscriverti ti invito a cliccare qui sotto:

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Il cellulare: un dispositivo che rapisce il pensiero, sottrae benessere e depaupera il nostro vitalismo (2).

Segue a : https://soniagermanizamperini.wordpress.com/2021/03/22/il-cellulare-un-dispositivo-che-rapisce-il-pensiero-sottrae-benessere-e-depaupera-il-nostro-vitalismo/

Nell’articolo precedente ho riportate ricerche ed evidenze che mostrano gli effetti di un uso eccessivo dei cellulari, e più in genere del web, sui nostri ragazzi.  
DS o nomofobia  è un vocabolo entrato nel nostro linguaggio e nel dizionario medico ad indicare delle vere e proprie dipendenze, come la droga o il gioco d’azzardo, che il cellulare soprattutto produce. Le dipendenze come sappiamo monopolizzano il nostro pensiero verticalizzandolo sul bisogno di avere una persona, un oggetto o una droga, incoercibilmente.
Come una droga, il cellulare ci toglie il pensiero e il Potere personale ma se ciò non bastasse, se questo non fosse sufficiente a prestare attenzione, soprattutto verso i ragazzi, mettendoli a conoscenza del ruolo manipolatorio e coercitivo del telefonino, allora parliamo di salute.
Se ne parla effettivamente troppo poco per creare una coscienza comune. 
Ecco come si esprime il nostro governo circa la pericolosità dei campi elettromagnetici artificiali emessi dai cellulari:   “I campi elettromagnetici prodotti dai telefoni mobili sono stati classificati nel 2011 dall’International Agency of Cancer Research – IARC come “possibilmente cancerogeni per l’uomo” (categoria 2b). Tale classificazione identifica un sospetto di possibile cancerogenicità, che studi successivi dovranno confermare o smentire”.
http://www.salute.gov.it/portale/cellulari/dettaglioContenutiCellulari.jsp?lingua=italiano&id=5193&area=cellulari&menu=vuoto&tab=2

Di fatto, diversi studi sono stati pubblicati sulla scena internazionale circa la pericolosità dei cellulari e delle radiofrequenze, ne ricorderò solo alcuni. Lennart Hardell dell’University Hospital di Orebro e Kjell Hansson Mild della Umea University

Lennart Hardell e Kiell Hansson analizzando 11 ricerche provenienti dalla Svezia, la Danimarca, la Germania, il Giappone, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno concluso che la formazione di tumori al cervello è strettamente correlata all’uso di cellulari. In particolare si è rilevato un aumento dei glioma e dei neuromi acustici che si sviluppano soprattutto sul lato della testa dove normalmente viene appoggiato il telefonino. I due ricercatori hanno voluto condurre loro stessi delle ricerche e la loro conclusione conferma quanto scoperto dagli studi internazionali. Corriere ottobre 2007 “E’ necessaria una grande attenzione nell’uso del telefonino – avvertono gli scienziati nella relazione pubblicata dalla rivista Occupational Enviromental Medicine – e soprattutto i bambini, che sono particolarmente vulnerabili, dovrebbero essere scoraggiati dall’utilizzarlo». A quanto sostiene l’Independent, che ha riportato lo studio, i risultati sarebbero tanto importanti quanto preoccupanti, perché mettono insieme ricerche su persone che hanno usato il cellulare per un tempo abbastanza lungo da poter contrarre la malattia. Finora, infatti, le rassicurazioni ufficiali sulla sicurezza dei cellulari si basavano su ricerche compiute, nella migliore delle ipotesi, su un campione ristretto, ma il cancro impiega almeno 10 anni per svilupparsi, quindi questi studi erano giocoforza parziali”. https://www.corriere.it/salute/07_ottobre_08/marchetti_tumori_rischi.shtml 
https://www.repubblica.it/2007/08/sezioni/scienza_e_tecnologia/cellulari/cellulari-
studio/cellulari-studio.html

In questo sito troverete tutte le evidenze scientifiche raccolte circa il campo
elettromagnetico artificiale e l’insorgenza di tumori tra cui gli studi del ricercatore
Lennart Hardell. https://www.researchgate.net

Tra le numerose evidenze scientifiche, studi e ricerche riporto un’ipotesi di connessione tra il linfoma non- Hodgkin e un’esposizione alle radiofrequenze giugno 2020). 
“Earlier animal studies have provided evidence that non-Hodgkin lymphoma (NHL) may be caused by exposure to radiofrequency (RF) radiation. This was recently confermed by the U.S. National Toxicology (NTP) study that showed an increased incidence of malignant lymphoma in female mice exposed to the GSM modulated or the CDMA modulated cell phone RF radiation. Primary central nervous system lymphoma (PCNSL) is a rare malignancy in humans with poor prognosis.
An increasing incidence has been reported in recent years. Based on a case-report we present the hypothesis that use of the hand-held mobile phone may be a risk factor for PCNSL. The increasing incidence of non-Hodgkin lymphoma in Sweden is discussed in relation to etiologic factors.”
 https://www.researchgate.net/publication/342525979_Central_nervous_system_lymphoma_and_radiofrequency_radiation_-_A_case_report_and_incidence_data_in_the_Swedish_Cancer_Register_on_non-Hodgkin_lymphoma 
Ipotesi di connessione tra tumori alla tiroide ed esposizione alle radiofrequenze (ottobre 2020)
“The International Agency for Research on Cancer (IARC) at the World Health Organization (WHO) categorized in 2011 radiofrequency (RF) as a possible human carcinogen, Group 2B. During use of the handheld wireless phone, especially the smartphone, the thyroid gland is a target organ. During the 21st century, the incidence of thyroid cancer is increasing in many countries. We used the Swedish Cancer Register to study trends from 1970 to 2017. During that time period, the incidence increased statistically significantly in women with average annual percentage change (AAPC) +2.13%, 95% confidence interval (CI) +1.43, +2.83%. The increase was especially pronounced during 2010–2017 with annual percentage change (APC) +9.65%, 95% CI +6.68, +12.71%. In men, AAPC increased during 1970–2017 with +1.49%, 95% CI +0.71, +2.28%. Highest increase was found for the time period 2001–2017 with APC +5.26%, 95% CI +4.05, +6.49%. Similar results were found for all Nordic countries based on NORDCAN 1970–2016 with APC +5.83%, 95% CI +4.56, +7.12 in women from 2006 to 2016 and APC + 5.48%, 95% CI +3.92, +7.06% in men from 2005 to 2016. According to the Swedish Cancer Register, the increasing incidence was similar for tumors <-4 cm as for tumors >4 cm, indicating that the increase cannot be explained by overdiagnosis. These results are in agreement with recent results on increased thyroid cancer risk associated with the use of mobile phones. We postulate that RF radiation is a causative factor for the increasing thyroid cancer incidence. https://www.researchgate.net/publication/347416047_Is_the_Increasing_Incidence_of_Thyroid_Cancer_in_the_Nordic_Countries_Caused_by_Use_of_Mobile_Phones

Senza uscire fuori dal nostro amato paese, l’Istituto Ramazzini nel 2018 pubblica lo studio più importante che sia mai stato svolto sugli effetti delle radiazioni a radiofrequenza (RFR), intitolato “Resoconto dei risultati finali riguardanti i tumori del cervello e del cuore in ratti Sprague-Dawley esposti dalla vita prenatale alla morte spontanea a campi elettromagnetici a radiofrequenza, equivalenti alle emissioni ambientali di un ripetitore da 1.8 GHz”, visionabile sulla rivista internazionale peer-reviewed Environmental Research, edita da Elsevier 
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0013935118300367?via%3Dihub
SEGUE 
Mostra di più
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il cellulare: un dispositivo che rapisce il pensiero, sottrae benessere e depaupera il nostro vitalismo.

L’Associazione Social Warnig fondata nel 2017 da un ragazzo classe 1995, Davide Dal Maso1, ha promosso un sondaggio condotto su 10.000 ragazzi tra i 12 e i 16 anni in cui emerge che il 79% dei ragazzi tra gli 11 e i 18 anni trascorre più di 4 ore al giorno sui social, sommati, sono due mesi l’anno spesi sul cellulare.

La sintesi di tale sondaggio è questa: 

 – il 39% è connesso senza limiti di tempo (l’anno scorso era il 22%);

 – il 70% non ha regole stabilite da parte dei genitori (nel 2020 era il 55%); 

 – Il 45% è connesso tra le 19 e le 23, l’11% dopo le 23. 

Le statistiche sopra riportate ci parlano di un uso smodato che provoca una dipendenza comportamentale molto molto simile al disturbo da gioco d’azzardo che viene definita “dipendenza da smartphone o DS o nomofobia”.

http://www.psicoattivo.com/dipendenza-da-smartphone-e-cervello/ 

Aggiungiamoci che date le condizioni sociali e sanitarie, da un anno i nostri ragazzi hanno intensificato la loro presenza online, ovviamente!, non pienamente consapevoli del furto che hanno subito e cioè una privazione di quelle condizioni che favoriscono e promuovono la piena maturazione dell’individuo, le relazioni, sostituite con rapporti irrelati e “privi di quella comunicazione non verbale fatta anche di sguardi, abbracci e condivisione dello spazio”. ( Stefano Vicari, neuropsichiatra dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù). 

In queste poche righe possiamo azzardare l’affermazione che un piccolo dispositivo come il cellulare ha privato i nostri ragazzi (e non solo) del pensiero, dell’autonomia di pensiero, influenzando incisivamente il percorso scolastico, la vita sociale e le relazioni, cioè la loro futura esistenza.  Il Potere personale in questo nuovo panorama ne esce sconfitto e per Potere personale intendo quel Potere derivante dalla libertà di pensiero, dall’autonomia di pensiero, privo di condizionamenti o influenze limitanti il pieno sviluppo dell’individuo. 

Basterebbe già questo per porci delle profonde riflessioni obbligandoci a valutare il ruolo di questo oggetto a cui abbiamo relegato la nostra intera esistenza ma se questo non fosse sufficiente, torno ancora una volta ai rischi che un uso smodato del cellulare può comportare sulla salute.  (SEGUE) 

1. Davide Dal Maso, classe 1995, secondo Forbes tra i Top Under 30 Italiani, è docente e coach di Social Media Marketing, Fondatore della no-profit sulle potenzialità e i rischi del web ” Social Warning  –  Movimento Etico Digitale” e contributor di Millionaire  e di Il Sole24Ore su cui scrive di marketing ed employer branding legato alla Generazione Z.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Identikit di un campo ordinatore

Campo ordinatore: neologismo tevvaro firmato Roberto Zamperini concettualmente simile, molto simile, al campo morfogenetico di R. Shaldrake, la differenza sostanziale è che il campo ordinatore sovrintende esclusivamente gli aspetti energetici e vibrazionali di un sistema. 

Identikit di un

campo ordinatore

Cosa ci dice R. Shaldrake circa il campo morfogenetico? Nel suo libro “La presenza del passato” R. Shaldrake definisce il campo morfogentico come una forza invisibile presente nel sistema non identificata con uno dei suoi componenti, ma con il sistema stesso. Il campo morfico è responsabile dell’organizzazione, della struttura e della forma del sistema ed è dotato della capacità di memorizzare ciascun elemento costituente il sistema. 

Ci dice anche che il campo morfogenetico ha una STORIA e , grazie ad un processo chiamato risonanza morfica, contiene in sé una memoria. Per noi Operatori TEV oppure per i tevvari in divenire l’ipotesi appena esposta si traduce, nell’analisi di un sistema energetico, che il campo ordinatore è gerarchicamente la struttura vertice dell’organizzazione energetica come l’avete appresa fino al secondo livello TEV ( ne vedremo altre più avanti). Una sorta di Direttore Generale che sovrintende a tutte le funzioni a lui sottostanti.

Peculiarità del campo morfogenetico/ordinatore è che è un’area non materiale di influenza che si estende nello spazio e nel tempo. 

In cosmologia ancora vige esiste il paradigma eternalista secondo il quale delle leggi eterne ed immutabili regolano la manifestazione del cosmo così come noi oggi lo intendiamo. R Shaldrake propose un’altra visione dettata dall’osservazione degli eventi azzardando l’ipotesi, che lo portò d’essere schedato come scienziato di serie B, dell’abitudine e dell’evoluzione. Un concetto rivoluzionario che ancora mette in discussione l’attuale paradigma e che pone un dubbio: invece di leggi eterne ed immutabili che governano la manifestazione, che non sia invece l’abitudine consolidata nel tempo di certi fenomeni a rendere possibile la manifestazione della materia e del cosmo? 

Secondo questa ipotesi ogni specie, ogni membro di ogni specie, attinge alla memoria collettiva della specie, si sintonizza con i membri passati della specie e a sua volta contribuisce all’ulteriore sviluppo della specie attraverso un processo di RISONANZA fra gli individui e i gruppi della specie (sottogruppi, razze, etnie, gens, famiglia eccetera) facendo diventare PRESENTE il PASSATO. 

Una domanda postami recentemente da un mio allievo ha sollevato un dubbio: se un soggetto ha problemi alle articolazioni inferiori, esiste un campo ordinatore che presiede a queste? Ora un CO delle gambe non ha una logica all’interno di questa ipotesi. Le  gambe da sole “non vanno da nessuna parte”dobbiamo contestualizzarle e lavorare su quei centri che nell’organizzazione del sistema energetico TEV siano coerenti con il concetto di campo morfogenetico. Cosa permette alle gambe di essere forti, efficienti? Qual’è quella funzione, quel sistema, che nei millenni ha funzionato e pertanto si è consolidato attraverso l’abitudine creando appunto la memoria di quella funzione? Integrando questa ipotesi con il sistema energetico Tev si arriva ad un elenco di Campi Ordinatori: sangue, connettivo, muscoli, sistema nervoso, eccetera. 

Questo per chiarire e sottolineare che benché il Campo Ordinatore apra una visione più ampia dei processi energetici e della stessa natura umana, l’Operatore TEV o il tevvaro in divenire deve sempre aver bene in mente il campo morfico di Shaldrake e fare in modo che le regole che guidano il campo morfogenetico/campo ordinatori siano coerenti e logiche con il concetto di apprendimento, evoluzione e di sistema energetico. 

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

La Regina delle Vitamine

L’Ascorbato di potassio con Ribosio dell’Istituto Pantellini rappresenta il TOP per il benessere (non sono stata pagata per scrivere questo post!). 

Come Naturopata, consiglio l’ascorbato di potassio, soprattutto in una situazione in cui il sistema immunitario deve funzionare al meglio, come la situazione attuale che stiamo vivendo. In particolare, consiglio l’ascorbato di potassio con ribosio dell’Istituto Pantellini. 

L’ascorbato di potassio è un sale derivato dalla vitamina C non tossico ed esente da effetti collaterali. E’ consigliabile assumerlo tutti i giorni (sì, anche se mangiate molta frutta e verdura) perché è un potentissimo antiossidante e pensate, promuove la sintesi del collagene e dei tessuti connettivi.

Donne, sì avete capito bene, la VIT C aiuta anche mantenere bella la nostra pelle, ma non finisce qui.

Se sei anemico, devi assumere VIT C perché questa aiuta ad assorbire il ferro ( e a ridurre infiammazione di base) inoltre favorisce l’accrescimento delle ossa e garantisce le giuste concentrazioni elettrolitiche nelle cellule sane e se ciò non bastasse limita o esaurisce le risorse energetiche delle cellule tumorali, favorendo l’eliminazione di glucosio.

Per quanto concerne le vitamine, per me, questa è la Regina tra tutte.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

OLTRE: un’occasione donata dal passato. I Foglietti Embrionali.

Evento online 12 dicembre 2020

Il passato è un archivio di eventi di successo oppure falliti.

L’evoluzione del singolo è far luce sugli eventi passati, è sfogliare il catalogo che si ha a disposizione e creare un “oltre”.

“In tutta la storia dello sviluppo dell’embrione umano i tessuti si comportano come se sapessero l’avvenire.”Cit. Alexis Carrelchirurgo e biologo francese

   
“All’interno dell’organismo energetico di ognuno di noi, è nascosta una Cellula Madre immortale che ci connette ai nostri avi e ai nostri discendenti. Una vera “macchina del tempo” il cui scopo è la futura evoluzione dell’uomo e che racchiude tutta la nostra storia e le nostre potenzialità.
La Cellula Madre è la memoria del passato e il potenziale futuro del nostro essere. Ognuno di noi, grazie alla Cellula Madre immortale, possiede gli strumenti per trarre profitto dal suo passato e guidare il suo futuro.” 
Questo scrive Roberto Zamperini nel suo libro “La Cellula Madre” CRESS Edizioni. 
In questa entità energetica dunque si genera tutto il nostro essere, assai più vasto ed esteso della componente biologica, per mezzo della quale possiamo accedere a dei volumi antichissimi, o ancora non scritti che riguardano noi stessi, come se entrassimo in un’enorme biblioteca. 
In questo aggiornamento TEV® una ricercatrice all’Università di Perugia, biologa, ci parlerà dei foglietti embrionali e cioè di quei foglietti germinativi attraverso i quali evolve tutto il nostro essere.
L’individuazione energetica dei foglietti embrionali permette di valutare se e in quale dei tre strati embrionali c’è un problema, un trauma, che memorizzato somiglia ad un disco che s’incanta e continua a suonare quel disturbo favorendo, nel tempo, l’insorgere di problematiche in organi o in aspetti emozionali o mentali della nostra persona.


Programma del corso:

Embriogenesi

Psicoembriologia

Triade: emozioni – organi – foglietto embrionale

Test energetico Protocolli d’intervento TEV®


“Livello TEV® richiesto: 7. (ex TEV 6)

Si rilascia certificato di partecipazione via email a seguito della compilazione del TEST. 
Obbligatorio per Istruttori ed Operatori svolgerlo entro la fine dell’anno.

Le Relatrici del corso :  

Michela Codini Biologa e Ricercatrice Università di Perugia

Sonia Germani Zamperini Fondatrice CRESS, Naturopata.

Per informazioni ed iscrizione: info@cressitalia.com

OLTRE: un’occasione donata dal passato. I Foglietti Embrionali.

Formazione CRESS online.

12 dicembre 2020

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Vu compra? No, grazie

Vu comprà? No grazie. 

Dietro a ogni prodotto del CRESS c’è uno studio di decenni, libri pubblicati, e lavoro tanto lavoro che non si vede dalla vetrina di FB o Instagram, ma c’è.

I nostri prodotti non sono deperibili, non marciscono, nè una volta mangiato lo si espelle dal corpo….è tra l’altro un prodotto Made in Italy al 100% . 

La Tecnologia Cleanergy viene venduta da più di 20 anni esclusivamente con il passa parola, perché il prodotto funziona e si presenta da sè. 

A distanza di anni dall’acquisto troverete sempre noi a rispondervi, a consigliarvi, i nostri clienti non pagano questo servizio, e non ci sono aziende fantasma, numeri verdi o call center con risposta automatica o al quale nessuno risponde. Chi risponde ha le competenze per farlo perché in prima persona utilizza la TEV e la Tecnologia Cleanergy. 

Se apprezzate il nostro lavoro, onesto e competente, in un momento critico come questo, acquistando lo sostenete. 

Tutto questo è un valore aggiunto che forse andava ricordato. 

Un abbraccio,

SG

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Chiamiamolo effetto collaterale o placebo, non ci offendiamo.

MC, biologa, ricercatrice all’Università di Perugia mi contatta a causa di un problema di salute della madre che accusa una costante nausea determinata da un innalzamento dell’urea, oltre che a quello della creatinina, che segnala una sofferenza della funzionalità renale.
Le analisi eseguite il 5 dicembre 2019 riportano i seguenti valori: 

Urea 124,0 mg/dl intervallo di riferimento (12.5-71)
Creatinina (secondo Jaffe) 2,66 mg/dl intervallo di riferimento (10,60-1,10)
Calcio totale 10.9 mg/dl intervallo di riferimento (8,6-110,2)

Inizio dei trattamenti TEV, il 12 dicembre che vengono eseguiti tutti i giorni per circa una settimana.

MC mi riferisce che la madre sta molto meglio e che la nausea era scomparsa già dopo un giorno di trattamento e che intendeva ripetere le analisi a sua madre.
Ecco i risultati delle analisi del sangue del 20 dicembre: 

Urea 74,0 mg/dl intervallo di riferimento (12.5-71)
Creatinina (secondo Jaffe) 1,92 mg/dl intervallo di riferimento (10,60-1,10)
Calcio totale 9,7 mg/dl intervallo di riferimento (8,6-110,2)

In questo intervallo di tempo il soggetto non ha effettuato cambiamenti, né alimentare, né farmacologico. 

Urea o azotemia: prodotta dal fegato a seguito dalla trasformazione di un prodotto di degradazione degli amminoacidi, tossico per l’organismo, lo ione ammonio. L’urea poiché eliminata dai reni, indica la funzionalità renale.

La creatinina deriva dalla creatina, una sostanza contenuta nei muscoli. La creatinina si genera durante corso l’attività muscolare, viene filtrata dai reni ed eliminata tramite le urine. La creatinina è un valore che indica anch’esso lo stato di salute dei reni. 

Calcio totale: è in relazione alla concentrazione delle proteine circolanti, in particolare dell’albumina. Se la funzionalità renale è insufficiente l’eccesso di calcio non può essere adeguatamente eliminato.

https://cleanergyshop.it
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | 1 commento